Quali sono le 5 w

Esempi 5w 1h

La formula delle 5W è nota per essere il modo più semplice e completo di presentare l’informazione ed è usata nel giornalismo così come nei processi di ricerca scientifica e di polizia. Si tratta di presentare le informazioni all’utente in modo tale che possa capire facilmente il messaggio che lo raggiunge. Quando si tratta della strategia di comunicazione, possiamo applicare le 5W per raggiungere efficacemente l’utente con il nostro contenuto.

A chi, in questo caso. Dobbiamo cercare le persone che ci interessano, a chi ci rivolgiamo, per poter adattare il messaggio e raggiungere coloro che ci interessano. Ma anche chi siamo e cosa ci distingue.

Quale messaggio vogliamo inviare e in quale formato? Un contenuto che sia interessante per l’utente, che gli sia utile e che possa essere applicato nella sua vita quotidiana ci farà guadagnare rilevanza nel nostro settore.

Non è un W perché, in realtà, è la base della strategia di comunicazione: come farete arrivare il messaggio al pubblico? Dobbiamo fare ricerche, conoscerli, scoprire cosa vogliono e darglielo. Ma, soprattutto, fornire valore, perché se il nostro contenuto è prezioso per l’utente, il nostro marchio diventerà essenziale per loro.

Le 5 W del giornalismo

Nel 1948, il sociologo Harold Lasswell ha formulato il suo modello o paradigma di Lasswell (Two-Step Theory):[8] “un modo di descrivere convenientemente un atto di comunicazione è quello che nasce dalla risposta alle seguenti domande: Chi, dice cosa, in quale canale, a chi, e con quali effetti?”[9] La novità di Lasswell è stata quella di introdurre il canale e gli effetti,[10] dove il canale è il modo in cui un messaggio raggiunge il suo pubblico e gli effetti sono ciò che accade una volta che il destinatario lo ha ricevuto.

In primo piano  Quanti ascolti servono per il disco doro

La novità di Lasswell fu quella di introdurre il canale e gli effetti,[8] il canale essendo il modo in cui un messaggio raggiunge il suo pubblico e gli effetti essendo ciò che accadrebbe una volta che il ricevente lo ha ricevuto.[10] Alla fine del XIX secolo, Melville Elijah Stone, il primo direttore dell’Associated Press, aveva già avvertito che il lead era la parte più importante della notizia. Il giornalista deve applicare una formulazione coerente per rispondere alle domande: chi, cosa, quando, dove, dove e perché.[11] Di fronte a un fatto di cronaca, il giornalista deve essere in grado di rispondere alle domande: chi, cosa, quando, dove e perché.

Quando un giornalista si trova di fronte a un evento che vuole fare notizia, ha bisogno di raccogliere informazioni, e per farlo utilizzerà varie fonti. Questi dati sono destinati a fornire risposte alle domande che il giornalista ha, e di cui il lettore avrà poi bisogno per capire i fatti.[4] Il giornalista dovrà anche raccogliere informazioni da altre fonti.

Esempi 5w e 2h

Nella professione giornalistica, le notizie che vengono comunicate devono rispondere a criteri oggettivi e chiari. Un’informazione è considerata corretta se è conforme alla regola delle cinque W. Ognuna delle W si riferisce a una domanda a cui si deve rispondere nello sviluppo dell’informazione giornalistica: chi (who), cosa (what), dove (where), quando (when) e perché (why). A volte c’è anche una sesta domanda: come.

Le notizie che ci raggiungono attraverso i media possono essere descritte in molti modi: sorprendenti, interessanti o noiose. A parte la valutazione soggettiva dei lettori o degli spettatori, la cosa più importante è il rigore dell’informazione. Le cinque W sono una guida per il giornalista e per il destinatario dell’informazione.

In primo piano  Molecole biatomiche come riconoscerlo

Nel gergo giornalistico, si ritiene che le cinque W debbano avere la loro risposta corrispondente nel “lead” della notizia. Le cinque domande non hanno un ordine stabilito, poiché la loro disposizione dipende dallo stile dello scrittore della storia. Nello sviluppo successivo della notizia, ogni W è presentato con un’analisi più dettagliata.

Le 5 w della comunicazione

Cosa, Chi, Quando, Dove, Dove e Perché: se il fatto o l’evento risponde in modo soddisfacente a queste cinque domande, l’essenza della notizia è garantita, perché sono presenti tutti i dati necessari a un giornalista per scrivere una storia, e perché questa sia completa di dati.

È una massima all’interno dell’esercizio e della pratica del giornalismo e la formula esatta e inequivocabile che tutti i giornalisti devono seguire e rispettare perché garantisce loro una conoscenza completa e accurata dei dati per scrivere o coprire una notizia.

L’attività di raccolta dei dati è inerente ai giornalisti e una fase fondamentale del loro lavoro quando intuiscono che un evento può essere una grande notizia, ma naturalmente non basta avere l’evento per costruirlo, è vitale ottenere la materia prima per articolarlo, ed è proprio questo che comportano le risposte alle cinque W.

Nell’era delle “fake news”, la risposta alle cinque W giustifica l’approccio corrispondente e professionale alla realtà che un giornalista o un media deve avere quando riferisce.

Torna su