Chi disse nulla si crea nulla si distrugge tutto si trasforma

Niente è perduto tutto si trasforma einstein

“In un sistema isolato, durante qualsiasi reazione chimica ordinaria, la massa totale del sistema rimane costante, cioè la massa consumata dei reagenti è uguale alla massa dei prodotti ottenuti.”[1][6] La legge implica che la massa non può essere creata o distrutta, ma può essere trasformata nello spazio, o le entità associate ad essa possono cambiare forma.[1][2] Per esempio, la legge della massa non può essere creata o distrutta.

La legge implica che la massa non può essere creata o distrutta, ma può essere trasformata nello spazio, o le entità associate ad essa possono cambiare forma.[1][2] Per esempio, nelle reazioni chimiche, la massa dei componenti chimici prima della reazione è uguale alla massa dei componenti dopo la reazione. Pertanto, durante qualsiasi reazione chimica e processi termodinamici a bassa energia in un sistema isolato, la massa totale dei reagenti o dei materiali di partenza deve essere uguale alla massa dei prodotti.[1][2][4][5] Questa legge è abbastanza precisa per i processi a bassa energia.

Questa legge è abbastanza accurata per i processi a bassa energia, come le reazioni chimiche. Nel caso di reazioni nucleari o collisioni di particelle ad alte energie, dove la definizione classica di massa non si applica, si deve tenere conto dell’equivalenza tra massa ed energia.[8]

Nulla si perde, tutto si trasforma in energia

Antoine Lavoisier è stato il padre della chimica moderna perché ha introdotto il metodo quantitativo in questa scienza. Dobbiamo al chimico francese la legge della conservazione della materia. Insisteva nel pesare e misurare tutto, come i fisici facevano da molto tempo.

In primo piano  Come si rammenda uno strappo a mano

L’acqua si trasformò in vapore, che si raffreddò di nuovo nella parte superiore del recipiente, si condensò e cadde sul fondo per bollire di nuovo. Quando finalmente lo lasciò raffreddare, il liquido era a riposo e una polvere solida terrosa apparve sul fondo.

La quantità d’acqua nel pallone è rimasta la stessa dell’inizio dell’esperimento. D’altra parte, il peso del contenitore era diminuito di una quantità pari al peso della polvere ottenuta. La conclusione era chiara: l’acqua bollente aveva sciolto parte del vetro, che era precipitato quando l’acqua si raffreddò di nuovo.

La materia non si crea né si distruggeLa somma dei pesi, prima e dopo l’esperimento, era la stessa. Lavoisier dimostrò così che la materia non si crea né si distrugge. La speculazione sulla natura dei quattro elementi tradizionali (aria, acqua, terra e fuoco) portò Lavoisier a intraprendere una serie di indagini sul ruolo dell’aria nelle reazioni di combustione, scoprendo che quando lo zolfo o il fosforo vengono bruciati, guadagnano peso assorbendo aria, mentre il piombo metallico formato dopo aver riscaldato il piombo minerale perde peso perché ha perso aria.

Niente si distrugge, tutto si trasforma in significato

Antoine-Laurent de Lavoisier (Parigi, 26 agosto 1743-ibidem, 8 maggio 1794) è stato un chimico, biologo ed economista francese considerato il “padre della chimica moderna”[1] per i suoi studi sull’ossidazione dei corpi, il fenomeno della respirazione animale, l’analisi dell’aria, la legge di conservazione della massa o legge Lomonosov-Lavoisier,[2] la teoria calorica, la combustione e i suoi studi sulla fotosintesi.

Le indagini di Lavoisier includevano alcuni dei primi esperimenti chimici di stechiometria. 4] Ha dimostrato che in una reazione, la quantità di materia è sempre la stessa alla fine e all’inizio della reazione. Questi esperimenti fornirono la prova della legge di conservazione della materia. Lavoisier studiò anche la composizione dell’acqua e nominò i suoi componenti ossigeno e idrogeno.

In primo piano  Quali sono le locuzioni avverbiali

Niente è perso tutto si trasforma newton

In Cile abbiamo fatto grandi sforzi per affrontare l’emergenza in cui ci ha messo la proliferazione dei rifiuti causata dal consumo di massa, soprattutto di prodotti monouso.  La legge di Responsabilità estesa del produttore, l’eliminazione dei sacchetti di plastica e il Patto cileno per la plastica, tra le altre iniziative, cercano di rispondere ai problemi causati da alcuni tipi di rifiuti che sono molto difficili da eliminare, soprattutto la plastica.

Tuttavia, lo stesso non è stato vero per i rifiuti organici, specialmente quelli domestici. La maggior parte delle persone non è chiaramente consapevole che i rifiuti organici che vanno dalle loro case alle discariche sono una delle principali fonti di emissioni di gas serra.

Gli studi del Ministero dell’Ambiente hanno dimostrato che solo nel 2016 sono stati generati in Cile 21,2 milioni di tonnellate di tutti i tipi di rifiuti, di cui un terzo, 7,48 milioni di tonnellate, corrisponde ai rifiuti solidi domestici, cioè quelli che provengono principalmente dalle famiglie, dagli stabilimenti commerciali, dalla vendita di alimenti, dagli alberghi e dagli istituti scolastici, tra gli altri.

Torna su