Qual e la rima alternata

Esempi di rima intrecciata

Le rime consonanti e assonanti sono le più conosciute e dove tutti i poeti enfatizzano quando imparano e scrivono. Anche se sono le più comuni e riconosciute, ci sono altri tipi di rime avanzate che ti aiuteranno a creare poesie migliori e varie. Inoltre, è possibile avere composizioni più classiche o anche raggiungere una maggiore libertà di creazione.

Questo tipo di rima richiede molta attenzione per non perdere il verso in cui dovrebbe coincidere. Si basa sul fatto che la prima rima deve coincidere con la terza, e così via. Il numero di volte che viene ripetuto dipenderà dalla lunghezza che il poeta vuole dare ai suoi versi.

Esempi di rima consonante alternata

La rima consonante è più difficile della rima assonante, perché offre meno libertà e possibilità di combinazione; per questo motivo è di solito usata in periodi raffinati e aulici nella storia della letteratura; la rima assonante, invece, permette più libertà di scelta e di combinazione ed è stata quindi il meccanismo preferito della poesia lirica tradizionale o popolare.

Generalmente, la rima assonante e consonante non sono combinate nella stessa strofa, anche se alcuni poeti romantici, come José de Espronceda, hanno usato occasionalmente questo tipo di combinazione. Così, all’inizio della quarta parte de El estudiante de Salamanca troviamo questo serventesio in cui i versi dispari hanno una rima consonante e quelli pari una rima assonante:

Una rima, applicata a qualsiasi tipo di strofa, in cui solo i versi pari fanno rima in forma assonante e seguono una rima continua, è conosciuta come rima arromanzada (cioè alla maniera di una romanza). Una serie o corsa di versi è conosciuta come un insieme di linee che condividono una rima arromantica, e un poema arromantico può essere composto da diverse serie che sono normalmente separate stroficamente e strutturalmente.

In primo piano  Quale il tasto menu del telecomando samsung

Croce o rima abbracciata

Anche se può essere visto come un artificio specifico della poesia, in realtà è stato usato in altre discipline fin dai tempi antichi. Le canzoni sono una di queste. Come arti sorelle, come generi letterari, condividono questa fantastica risorsa per sedurci, per invitarci a ricordarli e anche, naturalmente, a cantarli.

La rima produce un effetto musicale e, sebbene possa verificarsi in qualsiasi posizione del verso, si trova più spesso alla fine e tra versi non troppo distanti tra loro, per mantenere la cadenza nella memoria degli ascoltatori.

La verità è che la rima, ovviamente, non è obbligatoria per scrivere testi. Ci sono molti esempi noti che non usano la rima per presentare la loro storia, il loro messaggio, il loro discorso.

I testi delle canzoni di solito raggruppano il loro contenuto in sezioni. Le strofe e il ritornello sono di solito la base di ogni canzone, e alcune hanno anche altre parti distinte come il ponte, per esempio.

Se la rima usata cambia molto da una sezione all’altra, l’effetto sarà più pronunciato e, diciamo, sorprendente. In linea di principio, attirerà più attenzione. Se si continua con un tipo di rima simile, si percepisce un’evoluzione, una connessione più stretta tra le diverse sezioni.

Poesia a rima incrociata

Ci sono diversi modi di classificare le rime. Il primo modo di classificarli è, come abbiamo fatto sopra, guardando come finisce il verso. Da questo approccio alla rima, possiamo identificare due tipi diversi: rima assonante e rima consonante. Il secondo modo di avvicinarsi ai tipi di rima che esistono è attraverso la struttura che seguono all’interno di una strofa. È allora quando possiamo trovare molti tipi diversi di rima che dobbiamo saper identificare: