Quante paia di coste false possiede un uomo

Costole reali false e fluttuanti

Ognuno ha uno scheletro composto da molte ossa. Queste ossa costituiscono la struttura del tuo corpo, ti permettono di muoverti in molti modi diversi, proteggono i tuoi organi interni e fanno molte altre cose.

Se hai mai visto un vero scheletro o un fossile in un museo, potresti pensare che tutte le ossa sono morte. E mentre le ossa nei musei possono essere secche, dure e fragili, le ossa del tuo corpo sono molto diverse. Le ossa che compongono il tuo scheletro sono vive e vegete, crescono e cambiano costantemente come altre parti del tuo corpo.

Alla nascita, il corpo di un bambino contiene circa 300 ossa. Alla fine, questi si fondono (si fondono insieme mentre crescono) per formare lo scheletro di 206 ossa di una persona adulta. Alcune delle ossa del bambino sono fatte interamente di un materiale speciale chiamato cartilagine. Altre ossa neonate sono in parte fatte di cartilagine. La cartilagine è morbida e flessibile. Durante l’infanzia, man mano che si cresce, anche la cartilagine cresce e si trasforma gradualmente in osso, con l’aiuto del calcio.

Perché sono chiamate false costole

Le costole, oltre a servire da supporto al nostro scheletro, svolgono l’importante funzione di proteggere gli organi che si trovano nel torace: i polmoni, il cuore, l’aorta, la vena cava superiore e inferiore, l’esofago, la trachea, i linfonodi e il timo. Questi organi delicati sono avvolti dalle costole, così che in caso di un forte colpo, queste ossa soffrono prima degli organi molto più fragili e delicati. Insieme allo sterno e alla spina dorsale, le costole formano la cosiddetta gabbia toracica.

In primo piano  Quanti tipi di cerniera esistono

Quante costole hanno gli uomini e le donne?

L’aspetto anteriore è composto dallo sterno, l’aspetto laterale è composto dalle costole e dalle cartilagini costali, l’aspetto posteriore è composto dalle 12 vertebre toraciche e dai dischi intervertebrali corrispondenti.

2.2.1.3.- Membrana soprapleurale: Su ogni lato dell’apertura c’è una membrana soprapleurale o diaframma dell’apertura toracica superiore. Questa membrana va dal processo trasverso di T7 fino al bordo interno della prima costa e della cartilagine costale. È collegato superiormente ai vasi succlavi e inferiormente alla pleura cervicale che copre l’apice del polmone.

2.2.2.1.- I suoi limiti sono: T12, 1a costola, margine costale o cresta costale (formato dalla continuità delle cartilagini costali 7a-10a) e il processo xifoideo. È chiuso inferiormente dal Ms. Diaframma, attraverso i cui forami e iati passano alcuni elementi tra il Torace e l’Addome. Il diaframma sarà discusso in dettaglio più avanti.

Queste sono bande di cartilagine ialina che permettono l’articolazione tra le costole e lo sterno. Corrispondono all’elemento che si attacca direttamente allo sterno. L’angolo Manubrio-Sterno o l’angolo di Louis sullo sterno riceve la seconda cartilagine costale.

Costole galleggianti

Come le costole vere e fluttuanti, le false costole sono strutture ossee forti che lavorano insieme allo sterno e alle vertebre dorsali per formare quella che è conosciuta come la gabbia toracica.

Il tronco è una grande regione del corpo umano che si compone di 3 aree, la prima è il torace, composto da sterno, costole e vertebre toraciche, seguito dalla colonna vertebrale, in cui si trovano le diverse vertebre, e infine il bacino, chiamato anche cinto pelvico. Anche se tutte le strutture menzionate sono importanti per l’anatomia del corpo, in questo testo ci concentriamo sulle costole, in particolare quelle che sono note come false costole.

In primo piano  Shippare cosa vuol dire

Queste costole sono così chiamate perché, rispetto alle vere costole, non si articolano direttamente con lo sterno, ma si collegano attraverso la cartilagine costale all’estremità di ogni osso.

Le articolazioni costocondrali sono formate dall’unione delle costole con le cartilagini costali, mentre le articolazioni costovertebrali sono prodotte dall’unione della testa di ogni costola con il corpo vertebrale corrispondente della regione toracica.