Quando e necessario sopprimere un cane anziano

Iniezione per abbattere il cane

“Nello stesso modo in cui nella vita l’animale si complica il meno possibile, muore anche nel modo più semplice possibile. Adattando la sua routine fino a quando è in grado di lasciare con dignità”, dice l’educatore.

Perché quando i cani sono malati, “se si può fare qualcosa per loro, è evitare che soffrano”. E se ci accorgiamo che lo sono, possiamo chiedere aiuto a un veterinario. Spesso con la sola intenzione di cullarli per farli dormire, se ne vanno”, dice Vilardell.

A volte, gli umani ritardano il momento dell’eutanasia non per l’animale, ma per noi stessi. A causa di tutti i sentimenti che ci assalgono. “C’è un attaccamento molto forte. Non vogliamo che il nostro cane o gatto se ne vada. Abbiamo paura di quello che faremo senza di essa e abbiamo paura del dolore che soffriremo. Ecco perché il più delle volte la decisione di eutanasia viene ritardata, o la situazione di sofferenza dell’animale si prolunga”, dice Giménez.

Attenzione a normalizzare il deterioramentoLa situazione di prolungare troppo la sofferenza dell’animale può verificarsi anche perché il proprietario vede lo stato in cui si trova il suo cane o gatto come normale, nonostante il progresso della malattia. “Uno dei problemi che incontriamo è la normalizzazione della loro condizione, che rende difficile prendere la decisione di eutanasia. Il processo della malattia progredisce e il fatto di vivere con la malattia ti fa normalizzare ciò che stai vivendo perché la tua normalità è in questa nuova normalità. Non si pensa a come era il cane o il gatto prima, ma piuttosto che, per esempio, salire su un marciapiede o impiegare molto tempo per alzarsi diventa qualcosa di ragionevolmente normale”, dice Herrera.

In primo piano  Come togliere le macchie di candeggina