Quale fiore porta fortuna

Fiori portafortuna per la casa

Lavanda La lavanda è un’altra pianta aromatica conosciuta non solo per le sue proprietà rilassanti e l’odore piacevole, ma è anche associata alla protezione contro le energie negative. Questa pianta da esterno è conosciuta per i suoi fiori viola e il suo particolare profumo fresco.  La sua cura è molto semplice: ha bisogno di circa 6 ore di luce al giorno e di un substrato ben drenato. Per quanto riguarda le annaffiature, l’ideale è controllare sempre l’umidità del substrato prima di annaffiare e farlo solo quando è asciutto, evitando di bagnare le foglie e i fiori.

Edera svedese o pianta dei soldi La pianta dei soldi, chiamata anche edera svedese (anche se non è un’edera, né la sua origine è svedese), è una delle piante da interno più apprezzate per la semplicità della sua coltivazione e le sue basse esigenze. Il suo nome scientifico è Plectranthus verticillatus. È noto per attirare il denaro, soprattutto se viene regalato, quindi può essere il miglior regalo per il tuo amante delle piante preferito.  Per quanto riguarda la sua cura, ha bisogno di spazi luminosi e temperature piuttosto calde, motivo per cui sta così bene in casa. Le sue esigenze idriche sono basse e, come tutte le piante carnose, può sopportare periodi di moderata siccità. Annaffiatela ogni 10 giorni circa in inverno e più frequentemente durante i mesi estivi.

Bagni di fiori per la fortuna

In questa filosofia asiatica, il Feng Shui, alla pianta del narciso viene data la capacità di far fiorire talenti e abilità, quindi porta fortuna per gli studi, il lavoro, le relazioni e altri aspetti della vita legati a questi tipi di abilità. Ecco perché viene spesso collocato nelle case in cui è necessario un aiuto nella carriera, negli studi, nel lavoro o negli affari. In quest’altro articolo puoi imparare come prendersi cura dei narcisi se scegli questa pianta portafortuna raccomandata dal Feng Shui.

In primo piano  Come corrodere il cemento

Ho un elefante, ma voglio sapere se l’elefante deve guardare verso la porta o dalla porta verso la casa.

Fiori sfortunati

I fiori perfetti, freschi o di seta vibrante, sono un miglioramento nel feng shui, la venerabile arte cinese dell’equilibrio e del posizionamento. Tutte le piante influenzano il flusso di energia chi, la forza vitale che amplifica la fortuna e protegge dagli esiti negativi. Specifiche piante da fiore sono tradizionalmente conosciute per la loro natura vivificante e fortunata.

I fiori delle quattro stagioni erano i soggetti dell’arte e della poesia nella dinastia Ming. La progressione della loro fioritura stagionale segnava il passaggio del tempo, e le fioriture diventavano simboli delle qualità attribuite alle stagioni.

Le peonie simboleggiano il nuovo amore e la rinascita delle relazioni. I rosa tenui appartengono alla vostra camera da letto o all’area dell’amore e delle relazioni: il rosa è il colore del cuore. I rossi più profondi salgono di una tacca e praticamente urlano “Matrimonio!”. Ma il rosa è tutta una questione di romanticismo, e non si può perdere con le peonie, sono così yang e così potenti.

Fiore della fortuna

Da un punto di vista logico, è scioccante pensare che ci sono piante che attirano denaro e prosperità. Ma è ancora più sorprendente apprendere che certe specie sono state considerate talismani per secoli.  Un fatto di cui possiamo fare uso, e non solo perché sono una calamita per l’abbondanza.  Ci sono molte ragioni per avere delle piante. Ma se, oltre a goderne, possono essere anche un amuleto, tanto meglio.

Che ci si creda o no, vale la pena sapere quali piante attirano il denaro e la prosperità. Un modo per sfruttare i loro poteri magici. O, in caso contrario, per scoprire di più sull’eccitante mondo delle piante. E il fatto è che, al di là della loro bellezza o della nostra passione per loro, conoscere queste proprietà non provate può farcele scegliere. Perché come non farlo se possono migliorare la nostra vita, attirando l’abbondanza?

In primo piano  Due rette distinte hanno al piu un solo punto in comune

Per godere appieno di questa pianta, dobbiamo sapere come prendercene cura. Oltre ad avere bisogno di una buona dose di sole, il basilico ha bisogno di un’umidità luminosa costante. Ma attenzione: non confondere questo con il ristagno d’acqua, perché l’eccesso può ucciderlo. Il lato negativo è che è una pianta annuale. Quindi, sia che lo usiamo per cucinare o per motivi superstiziosi, dovremo rinnovarlo ogni dodici mesi.

Torna su