Qual e il fiore della rinascita

T

Venerato in molti luoghi, dall’India, alla Cina, al Giappone o all’Egitto, il fiore di loto simboleggiava la creazione, la fertilità e soprattutto la purezza, poiché cresce senza sporcarsi nel fango che lo circonda: la radice è nel fango, il gambo nell’acqua e il fiore brilla splendidamente al sole.

Il significato del fiore di loto inizia dalle sue stesse radici, con il simbolismo di ciò che si apre alla luce in purezza dall’oscurità dell’acqua stagnante. Di notte i petali si chiudono e il fiore è immerso nell’acqua; prima dell’alba sale di nuovo in superficie, aprendo i suoi petali. Con questo rituale gli antichi egizi collegavano il fiore di loto al dio Ra.

I Buddha in meditazione sono raffigurati su fiori di loto, e l’apertura dei petali di questi fiori, che possono essere completamente chiusi, mezzi aperti o completamente aperti, simboleggiano lo stato di espansione spirituale.

Prima di congedarsi, hanno deciso di lasciare un ricordo al pianeta di questo incontro. Volevano creare qualcosa che portasse nella sua essenza il contributo di ognuno degli elementi, combinati in armonia. Seduti sulla riva del lago, vedendo le proprie immagini riflesse, ognuno diede la propria opinione su ciò che si poteva fare, finché qualcuno suggerì di usare il lago stesso come fonte.