Fiumi che affluiscono nel po

Po

Il fiume è soggetto a forti inondazioni e più della metà della sua lunghezza è controllata da argini, o dighe.[6] La pendenza della valle diminuisce dallo 0,35% a ovest allo 0,14% a est, una pendenza bassa. Per la maggior parte del suo corso, il Po scorre in un territorio pianeggiante, ed è per questo che prende il suo nome (pianura o valle del Po). Attualmente, il Po è navigabile per circa 389 km dalla foce del Ticino al mare. Ci sono servizi di navigazione commerciale attivi da Cremona al mare (292 km).

Lo sviluppo urbano iniziò nella valle del Po molto più tardi che nell’Italia meridionale o in Grecia. I primi abitanti conosciuti delle fitte foreste e delle paludi furono i Liguri, un popolo indoeuropeo. Poi, nel VII secolo a.C., arrivò la progressiva migrazione degli Insubri, un popolo celtico (da cui il nome Insubria con cui viene talvolta designata la Lombardia nord-occidentale) e la parte meridionale e centrale della valle fu conquistata e colonizzata da un altro popolo pre-indoeuropeo, gli Etruschi, che hanno lasciato nomi come Parma, Ravenna e Felsina, l’antico nome di Bologna. Il dominio etrusco lasciò segni importanti e introdusse la civiltà urbana, ma fu di breve durata. All’inizio del V secolo a.C., una nuova orda celtica sciamò attraverso i passi delle Alpi occidentali e conquistò la maggior parte della valle del Po. Questa invasione dal nord non raggiunse il Veneto: i suoi abitanti, i Veneti, sono probabilmente un gruppo distinto che, essendo abili commercianti, erano a quel tempo culturalmente influenzati sia dagli Etruschi che dai Greci.

In primo piano  Su amazon si puo pagare alla consegna